L’ufficio delle cose perdute

Nella grande tartaruga

con i tetti a scaglie grigie
si rincorrono gli odori
i colori
e le puttane
nel gran ventre del paese
ci son posti che
sono strani
certe volte anche per me
Sulla strada che val al porto
dopo un’arco c’è una piazza
sempre piena di bambini
qualche gatto
e un vu cumprà
tra un negozio di bottoni e un
tizio che si fa
c’è un ufficio senza targa e senza età
ed è un ufficio del vento
cose perdute quelle
che son sparite in fondo
a qualche momento chiuso
Ed è un ufficio pieno
di vecchie cianfrusaglie
di giorni poco usati e di candeline
di un’altra età
Sono andato li a cercare
i capelli che ho perduto
il sorriso di mio padre
ed il canto di un amico
voglio indietro i miei vent’anni
e le speranze in più
voglio l’albero dei come
e dei perché
Ma dentro quel momento
non c’è nel mio giardino
l’albero che ho piantato
qualche anno fa
per sempre
Ma nell’ufficio delle
cose perdute devo
in cambio dei vent’anni
ridare tutto
tutto quello che ho
E ritorno piano a casa
con le rughe ed i pensieri
lascio lì i miei vent’anni
i capelli, i sogni in più
mi va bene rimanere
con quello che ho
torno a casa
apro la porta
e ci sei tu
e ci sei tu
e ci sei tu.

cose perdute

Le cose perdute

1 piace anche a te?Condividi? Grazie!
Facebookgoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *