Lo strano caso dei bastoni da passeggio, fatti in Italia

Nell’attesa di aggiornarvi sui dati Export italiani 2017, vi racconto com’è andato il primo anno di E-Italy e lo strano caso dei bastoni da passeggio. Nell’analisi dei dati a fine anno, ho setacciato quelle che sono le macro-cifre che potevano avvalorare o meno la strategia scelta a priori per il mio e-commerce. E così sono arrivata a stilare la famigerata top-10 dei best seller.

And the winner is…

Ed è così che mi sono accorta che il prodotto più venduto – ma non il più cercato – nel sito è stato il bastone da passeggio, nelle diverse e magistrali realizzazioni di Roberto Cavagnini.bastoni-da-passeggio

Ora vi chiederete come mai un prodotto così d’élite possa rappresentare il best seller di un sito di prodotti d’artigianato italiano. Ce lo si potrebbe aspettare per l’orologio a muro di design, l‘appendino dallo stile irriverente, o gli anelli in vetro di Murano. Eppure i bastoni da passeggio sono l’esempio migliore di come la vendita online possa funzionare meglio che nel negozio fisico offline proprio per prodotti/clienti così di nicchia.

Adesso vi spiego perché

Per cominciare l’acquirente del bastone da passeggio non è l’anziano signore (che del web non è di casa), ma il figlio o la figlia. Questi quarantenni cercano una soluzione alla richiesta del genitore, hanno poco tempo per andare fisicamente a prenderlo e quindi si rivolgono senza pensarci un minuto di più al web.

Ma poi, anche volendo cercarlo offline, nel negozio più vicino a loro quanti modelli di bastoni da passeggio potrebbero trovare (sempre che ci sia un negozio così specializzato nelle vicinanze)? Una dozzina? Se è tanto.

Noi online ne abbiamo più di 70. Quando si dice per tutti i gusti…

Online vince su offline

Ecco che in questo caso la vendita online non ha rivali, e non ha prezzo. I bastoni da passeggio sono una categoria che non ha bisogno di essere spinta (è quella che si chiama in gergo una utility) e non vive necessariamente di promozioni (come invece abbisognano di default certi brand o prodotti).

Il presupposto a quanto sopra, non dimentichiamolo, è un prodotto che incontra esattamente la qualità e la funzionalità attesa dal cliente. E in questo Roberto Cavagnini non ha rivali: ha realizzato nella sua collezione l’equilibrio perfetto tra design, qualità reale e qualità percepita. Insomma, non ce n’è per nessun altro.

Se poi siete fan – come il nostro cliente di cui la foto in copertina – di particolari correnti vintage*, allora siamo qui per voi!


Leggi anche Lo ius soli del Made in Italy | Manifattura cinese ed esperienza italiana: le etichette ci dicono quello che sono, o no?

*La foto di copertina me l’ha mandata un nostro cliente che cercava un bastone da passeggio per il suo vestito da Carnevale in perfetto stile Steampunk! Googolate, gente, googolate!

Condividi? Grazie!
Facebookgoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *